Convertitore di interfaccia da Rs232/Rs485/USB a RF 868 MHz.

Selezione della configurazione desiderata (MULTI o SINGLE) tramite ponticello hardware.

In configurazione MULTI permette di interfacciare fino a 15 trasmettitori di peso TRF, sullo stesso canale radio.

Selezione canale RF, baud rate e indirizzo di comunicazione tramite DIPSWITCH

Alimentazione 4.5Vdc 15Vdc XX oppure tramite collegamento USB

Applicazione PC per configurazione

Scarica manuale d'uso


Zoom Clicca sull'immagine per ingrandire

Convertitore RRF

Specifiche Tecniche

Alimentazione4.5 Vdc - 15 Vdc ( 50 mA)
Temperatura di funzionamento-10 / +50 °C (umiditą max 85% senza condensa)
Temperatura di stoccaggio-20 / +60 °C
Dimensioni d'ingombro126 mm x 79 mm x 41 mm (l x h x p) esclusa antenna e connettore
Materiale contenitoreAlluminio presso fuso
Grado di protezioneIP 65
ConnessioniMorsettiera a vite passo 5.08
Rs232Parametri di comunicazione: 9600/19200/38400,N,8,1. Segnali gestiti: Txd, Rxd, Sgnd.
Rs422 / Rs485Parametri di comunicazione: 9600/19200/38400,N,8,1.
USBDevice, Full speed. Driver per virtuale Com Port per PC fornito con l'applicazione.
Frequenza866-868 MHz
N. canali RF7 selezionabili da DIP SWITCH
N. indirizzi di rete15 selezionabili da DIP SWITCH
Raggio medio di copertura50 m
Conformitą alle NormativeEN 300 220 - EN 301 489 - EN60950 EN61000-6-2, EN61000-6-3, EN61010-1
Connessioni Convertitore RRF

Connessioni

TipoConnessione RRF
Lunghezza15 m
1+5 Vdc
2GND
3RS232 Tx
4RS232 Rx
5RS422/485 +
6RS422/485 -

MONTAGGIO DELLE CELLE

Accorgimenti generali da seguire nell’installazione e montaggio di celle di carico:

  • Rispettare il senso di applicazione delle forze alle celle di carico
  • Non superare i limiti di temperatura riportati in targa
  • Non rimuovere le etichette dalle celle
  • Proteggere adeguatamente i cavi con guaine o canaline
  • Effettuare su ogni singola cella un collegamento di messa a terra con cavo adeguato, cavallottando eventualmente le piastre degli accessori di montaggio
  • Non effettuare saldature sulla struttura meccanica dopo il posizionamento delle celle
  • Evitare o ridurre al minimo eventuali vincoli meccanici tra la struttura rigida e la struttura pesata, per evitare difetti di pesatura e ritorni a zero
  • In caso di utilizzo con vibrazioni o carichi dinamici proteggere le celle con antivibranti
  • Proteggere le celle da eventuali accumuli di polveri con opportune protezioni