Cella di carico a doppio taglio DT3


Scarica Scheda PDF

Celle di carico a doppio taglio per pese, bilance, misura del tiro etc.

Cella di carico a doppio taglio

A richiesta con certificazione ATEX o IECEx

Omologate C3 OIML


Zoom Clicca sull'immagine per ingrandire

Cella di carico a doppio taglio DT3 Cella di carico a doppio taglio DT3 Schema
ATEX IECEX OIML

Specifiche Tecniche

MaterialeAcciaio
Portata5, 10, 15, 20, 25, 30, 35 t
Carico limite150 % F.S.
Carico di rottura300 % F.S.
Tensione di alimentazioneMassimo 15 V cc
Segnale di uscita2 mV/V
Tolleranza uscita0,1 % F.S.
Tolleranza di zero1 % F.S.
Linearità0,03 % F.S.
Isteresi0,03 % F.S.
Ripetibilità0,03 % F.S.
Resistenza ingresso700-710 ohm
Resistenza uscita700-702 ohm
Resistenza isolamento>= 2000 Mohm
Deriva sotto carico (30 minuti)0,03 % F.S.
Compensazione termica-10 / +40°C (14 / +104°F)
Temperatura di funzionamento-20 / +70°C (-4 / +158°F)
Deriva termica di zero0,003 % F.S. / °C
Deriva termica fondo scala0,002 % F.S. / °C
Grado di protezioneIP 68
Cavo standard16 - 20 m – 6 x 0,30 (schermo non collegato a corpo cella)
Per le specifiche tecniche complete e più aggiornate fare riferimento alla scheda tecnica scaricabile qui
Scarica Scheda PDF

Connessioni

TipoCAVO 6C R6 PVC 6X0,30 SCHERMATO
Lunghezza16 - 20 m (schermo non collegato a corpo cella)
Rosso+ IN
Nero- IN
Giallo+ REF
Blu- REF
Verde+ OUT
Bianco- OUT
Connessioni Cella di carico a doppio taglio DT3

MONTAGGIO DELLE CELLE

Accorgimenti generali da seguire nell’installazione e montaggio di celle di carico:

  • Rispettare il senso di applicazione delle forze alle celle di carico
  • Non superare i limiti di temperatura riportati in targa
  • Non rimuovere le etichette dalle celle
  • Proteggere adeguatamente i cavi con guaine o canaline
  • Effettuare su ogni singola cella un collegamento di messa a terra con cavo adeguato, cavallottando eventualmente le piastre degli accessori di montaggio
  • Non effettuare saldature sulla struttura meccanica dopo il posizionamento delle celle
  • Evitare o ridurre al minimo eventuali vincoli meccanici tra la struttura rigida e la struttura pesata, per evitare difetti di pesatura e ritorni a zero
  • In caso di utilizzo con vibrazioni o carichi dinamici proteggere le celle con antivibranti
  • Proteggere le celle da eventuali accumuli di polveri con opportune protezioni