LIMITATORE DI CARICO per celle di carico, con contatti isolati galvanicamente dal resto del circuito.


Zoom Clicca sull'immagine per ingrandire

Indicatore WIN66i

Specifiche Tecniche

Alimentazione10 – 30 V cc, protetta contro l’inversione di polarità. Protezione con fusibile ripristinabile
Assorbimento max6 W
IsolamentoClasse III (solo la scheda)
Temperatura di funzionamento-10 / +50 °C (14 / 122 °F) umidità Massimo 85% senza condensa)
DisplayNumerico a 4 cifre LED rossi a 7 segmenti (h 7 mm)
Led4 LED che indicano uscite relè
Ingresso celle con le caratteristiche seguentiMassimo 4 celle di carico da 350 Ω in parallelo. Alimentazione celle di carico protetta da cortocircuito
Linearità< 0,01 % del fondo scala
Deriva in temperatura< 0.002% del fondoscala/C°
Risoluzione interna24 bit
Risoluzione pesoFino a 10.000 divisioni su portata
Campo di misuraDa -3,9 mV/V a +3,9 mV/V
Filtro digitaleSelezionabile 0,25 Hz – 3 Hz
Taratura di zero e fondo scalaAutomatica (teorica) o eseguibile da pulsanti
Porte seriali2 RS232 programmazione scheda
 Lunghezza massima cavo15 m
 Protocolli serialiPorta CANOpen (opzionale) Trasmissione dati e programmazione scheda
Conformità alle NormativeConformità alle Normative EMC: EN61000-6-2, EN61000-6-3, Conformità sicurezza elettrica: EN 61010-1, EN13849-1
Per le specifiche tecniche complete e più aggiornate fare riferimento alla scheda tecnica scaricabile qui
Scarica Scheda PDF
 
Connessioni Indicatore WIN66i

MONTAGGIO DELLE CELLE

Accorgimenti generali da seguire nell’installazione e montaggio di celle di carico:

  • Rispettare il senso di applicazione delle forze alle celle di carico
  • Non superare i limiti di temperatura riportati in targa
  • Non rimuovere le etichette dalle celle
  • Proteggere adeguatamente i cavi con guaine o canaline
  • Effettuare su ogni singola cella un collegamento di messa a terra con cavo adeguato, cavallottando eventualmente le piastre degli accessori di montaggio
  • Non effettuare saldature sulla struttura meccanica dopo il posizionamento delle celle
  • Evitare o ridurre al minimo eventuali vincoli meccanici tra la struttura rigida e la struttura pesata, per evitare difetti di pesatura e ritorni a zero
  • In caso di utilizzo con vibrazioni o carichi dinamici proteggere le celle con antivibranti
  • Proteggere le celle da eventuali accumuli di polveri con opportune protezioni