Cella di carico al taglio TS23


Scarica Scheda PDF

Celle di carico al taglio per pesatura serbatoi, silos, tramogge, controllo carichi su gru, sistemi di sollevamento verricelli, automazione etc.

Cella di carico al taglio

Omologate C3 OIML


Zoom Clicca sull'immagine per ingrandire

Cella di carico al taglio TS23 Cella di carico al taglio TS23 Schema
OIML

Specifiche Tecniche

MaterialeAcciaio / Acciaio inossidabile
Portata2000, 3000, 4000, 5000, 6000, 7500 kg
Carico limite150 % F.S.
Carico di rottura300 % F.S.
Tensione di alimentazioneVcc 15 Max
Segnale di uscita2 mV/V
Tolleranza uscita0,1 % F.S.
Tolleranza di zero1 % F.S.
Linearità0,03 % F.S.
Isteresi0,03 % F.S.
Ripetibilità0,03 % F.S.
Resistenza ingresso380-386 ohm (Option: 1050 – 1100 Ω)
Resistenza uscita350-353 ohm (Option: 1000 – 1005 Ω)
Resistenza isolamento>= 2000 MOhm
Deriva sotto carico (30 minuti)0,03 % F.S.
Compensazione termica-10 / +40°C (14 / +104°F)
Temperatura di funzionamento-20 / +70°C (-4° / +158°F)
Deriva termica di zero0,003 % F.S. / °C
Deriva termica fondo scala0,002 % F.S. / °C
Grado di protezioneIP 68
Cavo standard5 m – 4 x 0,25 (schermo non collegato a corpo cella)
Per le specifiche tecniche complete e più aggiornate fare riferimento alla scheda tecnica scaricabile qui
Scarica Scheda PDF

Connessioni

TipoCAVO 4C R5 PUR 4X0,25 SCHERMATO
Lunghezza5 m (schermo non collegato a corpo cella)
Rosso+ IN
Nero- IN
Verde+ OUT
Bianco- OUT
Connessioni Cella di carico al taglio TS23

MONTAGGIO DELLE CELLE

Accorgimenti generali da seguire nell’installazione e montaggio di celle di carico:

  • Rispettare il senso di applicazione delle forze alle celle di carico
  • Non superare i limiti di temperatura riportati in targa
  • Non rimuovere le etichette dalle celle
  • Proteggere adeguatamente i cavi con guaine o canaline
  • Effettuare su ogni singola cella un collegamento di messa a terra con cavo adeguato, cavallottando eventualmente le piastre degli accessori di montaggio
  • Non effettuare saldature sulla struttura meccanica dopo il posizionamento delle celle
  • Evitare o ridurre al minimo eventuali vincoli meccanici tra la struttura rigida e la struttura pesata, per evitare difetti di pesatura e ritorni a zero
  • In caso di utilizzo con vibrazioni o carichi dinamici proteggere le celle con antivibranti
  • Proteggere le celle da eventuali accumuli di polveri con opportune protezioni