GICAM mette a dispsizione vari tipi di convertitori di segnali. Da un lato esistono convertitori di segnali che trasmettono tramite frequenze radio e protocolli seriali, molto semplici da programmare e da controllare. I nostri convertitori sono adatti per essere utilizzati nell'industria. Offriamo convertitori di segnali che trasformano segnali di ingresso analogici in segnali analogici normalizzati, e convertitori di segnali che possono essere collegati a strumenti che dispongono di protocolli RS-485 o RS-422.

Scheda per cella di carico uscita mA S138


Zoom Clicca sull'immagine per ingrandire

Convertitore S138

Specifiche Tecniche

Alimentazione scheda12Vcc ÷ 30Vcc
Alimentazione cella4Vcc protetta da cortocircuito (1 cella da 350W o 700W)
Assorbimento0.6W con cella da 350 Ohm
Uscita4 mA ÷ 20 mA (carico <=250W)
Sensibilità ingresso1mV/V - 2mV/V dipende dalla resistenza R3 (15 ppm): 1mV/V con R3 150 Ohm / 2 mV/V con R3 300 Ohm
Dimensioni40mm x 25mm x 10mm
Allacciamenticon fili a saldare (max 0.5 mm2)
Collegamento cellaa 4 fili
Temperatura di stoccaggio-20°C ÷ +60°C
Temperatura di utilizzo-10°C ÷ +50°C
Linearità0.02%
Stabilità termica30 ppm/°C
Regolazione di zero±10% del fondoscala tramite trimmer multigiri
Regolazione guadagno±10% del fondoscala tramite trimmer multigiri
Filtro analogico50 Hz
Protezioni da errati collegamentiProtezione da inversione di polarità dell'alimentazione. Protezione da cortocircuito sul segnale mA.
Connessioni Convertitore S138

Connessioni

TipoConnessione J1+J2 S138
LunghezzaND
1+ Alimentazione cella
2+ Segnale Cella
3- Segnale Cella
4- Alimentazione cella
5+ Alimentazione 12 - 30 Vcc
6- Alimentazione
7Uscita 4 – 20 mA (il meno dell’uscita corrisponde al meno alimentazione pin 6)

MONTAGGIO DELLE CELLE

Accorgimenti generali da seguire nell’installazione e montaggio di celle di carico:

  • Rispettare il senso di applicazione delle forze alle celle di carico
  • Non superare i limiti di temperatura riportati in targa
  • Non rimuovere le etichette dalle celle
  • Proteggere adeguatamente i cavi con guaine o canaline
  • Effettuare su ogni singola cella un collegamento di messa a terra con cavo adeguato, cavallottando eventualmente le piastre degli accessori di montaggio
  • Non effettuare saldature sulla struttura meccanica dopo il posizionamento delle celle
  • Evitare o ridurre al minimo eventuali vincoli meccanici tra la struttura rigida e la struttura pesata, per evitare difetti di pesatura e ritorni a zero
  • In caso di utilizzo con vibrazioni o carichi dinamici proteggere le celle con antivibranti
  • Proteggere le celle da eventuali accumuli di polveri con opportune protezioni